20 Nov

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

 

IMOLA
GIOVEDì 22 NOVEMBRE
ORE 18,00

Sfinito da dimore traslocate e ritratti di presuntuoso stile

ri-esco dalle stanze opache in salita per scale sconnesse incontro a piane distorte, distolto da bagliori radenti e ombre controluce di ripetuti soli

D’istinto e di mani guidate dal non so che, mi alzo sopra tutto e sopra pensiero senza seguire linee convergenti, sospeso come una descrizione leggera mi ritrovo a tracciare scie di memoria là dove cade il cielo nero

Sotto

Messo da parte in piena distrazione per un distante senso di panico e di sgomento innaturale, mi ritrovo a interrogarmi su quale punto dell’infinito e a quale ora dell’eterno si possano trovare gli  scuri orizzonti

Là in fondo non c’è visione, non c’è paura, non c’è dolore, non c’è memoria, non c’è bisogno

Un infrarosso bianco e nero

Carlo Ravaioli

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *